Sei in Home / Idee di viaggio / Arte e storia / Caffè storici di Roma

Caffè storici di Roma

Roma, nel suo splendido centro storico, è ricca di antichi caffè. Ognuno di questi luoghi ha la sua storia e racconta qualcosa in più sulla Città Eterna e su chi, passando per la Capitale, ne è rimasto affascinato.
Tra i caffè più famosi c’è l’Antico Caffè Greco, situato nell’elegante via Condotti. È il secondo più antico d'Italia dopo il Florian a Venezia. Caffé della Pace Fondato nel 1760, deve il suo nome all'origine greca del suo fondatore Nicola della Maddalena. Ritrovo di artisti e intellettuali italiani e stranieri fin dal XIX secolo, crocevia della mondanità e della cultura negli anni ’60 e ’70, è stato più volte ritratto in schizzi e quadri e ha avuto tra i suoi frequentatori  anche Schopenhauer, Franz Liszt, Stendhal, Wagner e Orson Welles.
Oltre a gustare del buon caffè, nelle sale di questo suggestivo luogo, potrete ammirare più di 300 opere che rendono l’Antico Caffè Greco una delle più grandi gallerie d’arte privata aperte al pubblico esistenti al mondo.

Rimanendo sempre tra le vie dello shopping, nella rinomata via del Babuino, s’incontra il Caffè Museo Atelier Canova Tadolini, si tratta dell’antico studio appartenuto al grande scultore Antonio Canova e da lui lasciato al suo allievo prediletto Adamo Tadolini. Lo studio oggi non è solo un caffè, ma è stato trasformato in un locale particolare che al suo interno contempla anche un Museo con un'eccezionale raccolta di sculture.

Spostandosi verso Piazza Navona, troviamo l’Antico Caffè della Pace. Stile liberty per questo locale della fine dell'Ottocento, situato in via della Pace, vicino il chiostro del Bramante e caratterizzato dall'antico arredo in legno e dalla facciata ricoperta di vite canadese. Luogo alla moda è stato, ed è tuttora, frequentato da intellettuali e divi italiani e internazionali.

Nelle vicinanze, situato a un passo da piazza Navona e dal Pantheon e di fronte al Senato della Repubblica italiana, c’è il Caffè Sant’Eustachio. Antica torrefazione a legna, nata negli anni Trenta, ancora oggi presenta gli stessi arredi e la stessa pavimentazione dell’epoca. Il suo emblema è il cervo, simbolo appunto di Sant’Eustachio.

Non è un caffè, ma una sala da tè, è la Sala da tè Babington. Fondata nel 1893 dalle inglesi Isabel Cargill e Anna Maria Babington, questa sala da tè e di lettura è nata per i tanti anglosassoni presenti a Roma che qui potevano bere la loro bevanda preferita, all'epoca venduta solo in farmacia. Ancora oggi in questo luogo, prediletto dagli amanti del tè che qui possono trovare tutte le essenze, si respira un’atmosfera tranquilla e riservata.
L'arredamento essenziale in stile fine ‘800, i tavolini di legno apparecchiati con paglie coloniali, le teiere e le porcellane esclusive rendono ancor più magica la sala da tè Babington che si affaccia direttamente su Piazza di Spagna.

Infine, un piccolo ricordo per quello che è stato per molti anni un luogo di aggregazione: il Caffè Notegen. Fondato nell'Ottocento dallo svizzero Jon Notegen, per gli amici Giovanni, come drogheria con torrefazione, solo negli anni Trenta del 1900 il caffè divenne il ritrovo di artisti italiani e stranieri che lo frequentano anche nel secondo dopoguerra fino agli anni Ottanta. Ormai non c’è più, ma se si passa in via del Babuino al n.159 vale la pena rievocare la memoria di questa caffetteria.

Informazioni utili


Indirizzi dei caffè storici


Antico Caffè Greco

Via Condotti, 86

Sala da tè Babington
Piazza di Spagna, 23

Antico Caffè della Pace

Via della Pace, 3

Caffè Museo Atelier Canova Tadolini

Via del Babuino, 150

Caffè Sant’Eustachio
Piazza Sant’Eustachio, 82

Caffè Notegen

Via del Babuino, 159